Sport & Mental Coaching News

Il blog dei Mental Coach specializzati in sport coaching

Martedì, 15 Novembre 2016 21:37

Comunicazione atleta allenatore

Un approfondimento di Giovanni Ferrari
Ti è stato utile?
(0 Voti)
Allenatore_atleta Allenatore_atleta

 

Atleta-Allenatore, una "squadra" che quando funziona bene crea risultati meravigliosi, a volte però possono svilupparsi tensioni che non sono funzionali a un'ottima performance.

Spesso mi è capitato di lavorare con atleti che subiscono il rapporto con l'allenatore che li segue.E' facile, parlando con entrambi, capire che molto spesso, essendo due individui diversi, ci siano modi di interpretare gli eventi e i risultati, completamente divergenti. Alcuni messaggi, che l'allenatore considera positivi vengono percepiti in maniera diametralmente opposta dall'atleta, compromettendo la gara.

Altre volte invece l’alchimia può nascere naturalmente, quando due persone entrano subito in sintonia rinforzandosi a vicenda in questo caso i risultati arrivano molto più velocemente, con uno sforzo apparentemente minore e sicuramente con maggior soddisfazione.

Sicuramente, come tutti gli aspetti che creano un atleta completo, anche questo merita molta attenzione e lavoro ed il primo passo è quello di strutturare una comunicazione efficace.

Comunicare efficacemente significa in particolar modo saper gestire i momenti critici dove, sia per mancanza di tempo (ad esempio durante il classico time out in partita), che per la tensione agonistica, possiamo essere meno ricettivi.

 

La frase giusta al momento giusto fa la differenza

 

Dovremo aver cura di creare di comune accordo un sistema di comunicazione che tenga conto di tutti gli aspetti che sono coinvolti quando comunichiamo, quello che diciamo è importante, ma come lo diciamo e come ci atteggiamo mentre lo facciamo sono ancora più importanti, il nostro cervello processa immediatamente una postura o un tono poco convincenti, per quanto le parole possano essere perfette.

La responsabilità di questo processo è sicuramente dell’allenatore, che impartisce istruzioni, regola tempi, modi dell’allenamento e della partita/performance, ma un ruolo fondamentale è ricoperto dall’atleta che, essendo l’esecutore ultimo, deve riuscire a instaurare un rapporto di rispetto, stima e fiducia con il proprio allenatore, spiegando, quando necessario le proprie ragioni e motivazioni, serenamente e in un clima teso al miglioramento.

Comunicando è possibile eliminare i motivi di frizione, capire il punto di vista del proprio Team, focalizzando molto più velocemente quali sono i punti di forza e quali quelli di criticità.

 

Le vittorie si conquistano assieme, se comunichiamo correttamente sarà più facile e più gradevole ottenerle.

 

Letto 2428 volte Aggiornato il Martedì, 22 Novembre 2016 19:39

Ti potrebbe interessare anche...